VEGETAZIONE DELLA RISERVA


La Valle Bova presenta una ricca vegetazione che si differenzia a seconda degli habitat che compongono il territorio della Riserva.

In una prima zona si registra la presenza di boschi umidi con aceri, frassini, tigli e con un ricco sottobosco dove si possono trovare ciclamini, mughetti,aglio selvatico e erica. Lungo il corso del torrente Bova la vegetazione è invece quella legata all’azione delle acque sulle rocce, con specie come il capel venere e la lingua cervina.

Un altro ambiente completamente differente all’interno della Valle è quello determinato dalle pareti calcaree, quindi con scarsa umidità, spessori limitati e un forte irraggiamento: qui si trovano esemplari di quercia, la roverella, frassini e nel sottobosco specie erbacee come la rosa canina, le ginestre e il biancospino.

Nelle restanti zone, la Valle è caratterizzata da boschi che, a seconda dell’umidità e del tipo di terreno, presentano castagni, aceri, betulle, ecc. Nelle vicinanze dei crinali più alti, sono presenti praterie aride, un tempo utili per il pascolo, che andranno via via scomparendo a causa dell’avanzata dei boschi.
Oltre alle specie più comuni a queste latitudini e altitudini, nelle pietraie e nelle zone a strapiombo caratteristiche dei rilievi della Valle Bova si può trovare una tipica flora rupicola, con alcune specie poco diffuse come la campanula dell’arciduca, la silene della Viceregina, la sassifraga di Vandelli e l’aglio insubrico.

 

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.